Paola_Toini_temadiinstagram

Come ho sviluppato il mio profilo su Instagram

Sei mesi di impegno su Instagram mi hanno portato a questi risultati.

Volete sapere cosa può succedere impegnandosi su Instagram per sei mesi?

Da sempre sono una fan dell’esperienza. Con l’esperienza abbiamo la possibilità di essere più efficaci quando consigliamo qualcosa ad un amico oppure ad un cliente che si rivolge a noi. In questo caso avevo bisogno di fare una prova reale, sul mio profilo, per comprendere al meglio alcune dinamiche che riguardano Instagram.

Dal 2 di febbraio ho iniziato a postare due o tre fotografie al giorno, seguendo un tema visivo a tre colonne: una per i selfie, una per i flatlay e una per le quotes. Inizialmente è stato difficile, sopratutto reperire fotografie che mi piacessero, dopodiché è diventato sempre più semplice e ho potuto dedicarmi anche alla stesura di un piano editoriale che portasse i followers alle notizie che interessavano a me.

L’esperimento su Instagram è andato molto bene, sono passata da 280 a 800 followers reali in maniera totalmente organica e mi sono fatta un bagagli di esperienza in prima persona che mi ha consentito di scrivere questi tre consigli, che mi auguro siano utili per tutti.

Ecco i miei 3 consigli utili per voi.
1. chiedetevi “Di cosa voglio parlare?”
2. scegliete un tema che vi regali libertà
3. affidatevi anche ad un buon fotografo

Il primo è un consiglio analogico al 100% che vi invita a prendere carta e penna e a rispondere a questa semplice domanda “Di cosa voglio parlare sul mio account Instagram?” così facendo sarete in grado di capire se procedere con un tema visivo di soli panorami, oppure di soli selfie oppure, come è successo a me, comprendere che avevo bisogno di un tema a tre colonne. Anche in questo caso, la parola chiave è: consapevolezza. A questo proposito potete leggere il mio approfondimento a questo link.

Secondo consiglio, scegliete un tema di Instagram che non vi rinchiuda e che vi regali molta libertà di espressione. Anche se deciderete di scegliere un colore, ad esempio, fate in modo che quel colore sia presente in ogni fotografia senza soffocare tutta la gallery. State rappresentando voi stessi e quindi fate attenzione anche ai dettagli.

Infine, anche se siete maestri di selfie, potrà accadere che abbiate bisogno di una determinata inquadratura per esprimere un concetto su Instagram e quindi affidatevi anche ad un fotografo. Meglio ancora se un fotografo già esperto dal punto di vista del branding e del personal branding. Io personalmente ho collaborato con tre fotografe prima di approdare alla persona giusta per me, quindi non arrendetevi se al primo colpo non dovesse andare come desiderate.

Per tutto il resto vi invito a vedere questo mio primo video, anch’esso un esperimento che mi ha ricordato che ci vuole impegno e una vision generale prima di iniziare ogni progetto.

Fatemi sapere cosa ne pensate 😉 ah, ecco il link al mio profilo Instagram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.