Scroll to top
© 2019, Paola Toini Agency & Lab

La visibilità, questa bella ragazza che si diverte a giocare a nascondino e a renderci la vita sempre più difficile.

Partiamo dalla definizione
visibilità
/vi·ṣi·bi·li·tà/
sostantivo femminile
FIG.
Nella pubblicistica (calco sull’ingl. visibility), la capacità, per una personalità pubblica, per una forza politica o per un’iniziativa, di rendersi immediatamente riconoscibile.

Questa definizione ci rimanda al concetto di Personal Branding, vero? Mentre nell’accezione comune siamo portati a pensare alla visibilità come alla possibilità di “essere visti” capiamo dalla definizione che il concetto reale, importante, è “essere riconoscibili” come a dire che, all’interno di un gruppo, noi siamo distinguibili per una serie di caratteristiche che sono solo nostre.

Ho iniziato a riflettere sul concetto di visibilità quando mi sono occupata del caso studio di Lush, che ha scelto di abbandonare i social con il suo account principale perché non vuole scendere a compromessi con la sua Community, perché non vuole pagare le ADS al gruppo Facebook e al caro Mark.

In questa scelta sono racchiusi tutti gli strumenti contemporanei che sono a nostra disposizione per essere visti (e NON visibili) da un numero incredibile di potenziali clienti. Vediamoli insieme.

1. ADS
Abbreviazione di advertising che significa pubblicità ed è un concetto legato al pagamento di una somma per comparire, in origine, sui quotidiani, successivamente nelle radio e in TV e, oggi, sul web.

Intorno alle ADS c’è un movimento “anti” che è mosso principalmente da due motivazioni: le ADS obbligano a scendere a compromessi (motivazione di Lush) con la propria community e abbassano la qualità della Comunicazione, oppure, le ADS ci studiano troppo e condizionano troppo le nostre scelte.

A proposito di questa seconda ipotesi, vi invito a guardare questo video tratto dall’intervento al TED di Vancouver, in cui la giornalista investigativa e scrittrice britannica Carole Cadwalladr, ci spiega come Facebook e le ADS abbiano influenzato la scelta di lasciare l’Unione Europea da parte del Regno Unito e il voto delle elezioni presidenziali americane del 2016.

Qui trovate il video intero http://bit.ly/2GQfr9t

e qui sotto vi lascio il video corto con i sottotitoli in inglese (molto comprensibili)

La giornalista parla di eventi politici, perciò dobbiamo riuscire a ripulire ogni pensiero che riguardi questo. Comunque la si pensi, complottisti o no, è chiaro che utilizzare in maniera spropositata le ADS tolga una parte di anima alla Comunicazione.

Nelle mie strategie, le ADS sono fondamentali in due particolari momenti: la partenza di un business e il lancio di una promozione o di un evento. Sono convinta che il resto lo possa fare la buona comunicazione e che si debba fare un distinguo tra small business, PMI e le grandi Aziende.

2. Community
Anche questo strumento è stato menzionato nella strategia di Lush, infatti, il brand ha scelto di “lasciar parlare” il suo pubblico, i suoi creatori e i singoli account degli Store nel mondo, attraverso gli hashtag di riferimento e i contenuti spontaneamente creati. Ottima scelta!

Audre Lorde diceva “Without community, there is no liberation.” e si riferiva chiaramente al suo periodo storico e alle battaglie degli afroamericani.

Possiamo ritenere ancora valida questa affermazione? In parte si, le community portano avanti valori e pensieri comuni quindi alla lunga sostengono anche la libertà (di pensiero tipicamente).

Allo stesso tempo, dobbiamo stare attenti ad evitare il fenomeno “cricca” che è decisamente lontana dalla community e che vira tragicamente dal valore (positivo) all’espressione di una rabbia comune (decisamente negativo).

Tutti noi dovremmo puntare ad avere una community libera di scegliere, di frequentare il nostro blog e anche quello di un nostro competitor, io credo che la libertà sia possibilità di contaminarsi e di scegliere. Voi che ne pensate?

2.1 Hashtag
Già citati parlando di Community, ci permettono di identificare i nostri contenuti e di renderli visibili, nell’accezione di identificabili. Importanti su Twitter e su Instagram. Bisogna fare attenzione e scegliere gli hashtag in modo accurato. Inutile saltare sul carro di un hashtag trend topic se è troppo lontano dal nostro business.

3. Influencer
L’influence marketing è parte della Comunicazione contemporanea, ci permette di sfruttare la popolarità di un personaggio per raggiungere i suoi followers (e ottenere visibilità) che, ovviamente, devono essere allineati con i nostri.

Come possiamo essere visibili e quindi riconoscibili tramite una operazione di influence marketing? Serve una ricerca, serve studiare i contenuti e sopratutto il target dell’influencer. Anche in questo caso, pena la dispersione di budget.

A proposito di questo tema, ho fatto una personale riflessione durante il Coachella. Per lavoro (e anche per curiosità) seguo diversi influencer che hanno bazzicato intorno al mega Festival californiano. E spesso mi sono trovata a farmi la stessa domanda “Ok, bello l’outfit e anche il trucco, ma chi sta cantando? La musica che sento in sottofondo… di chi è?”

È stata l’ennesima conferma del fatto che, quando ingaggiamo un influencer, dobbiamo essere sicuri sul target: evidentemente io non sono il target di riferimento per i brand di moda che hanno scelto questi personaggi. Sono, invece, influenzabile dai brand (sopratutto americani) che hanno scelto di taggare (nelle insta story) l’artista sul palco in quel momento e di geolocalizzare sempre i contenuti pubblicati.

4. Storytelling
Si sono scritte pagine e pagine su questo strumento. È uno strumento? Sì. Richiede competenze? Sì, parecchie.

Trasformare un prodotto (o un servizio) in una storia è molto più difficile di quel che si possa pensare e il motivo è che spesso NON abbiamo chiaro il Perché, il motivo che ci spinge da dentro a fare un lavoro (se siamo freelance) oppure a creare un prodotto (se siamo azienda).

Il motore che muove lo Storytelling è il Perché, sono convinta al mille per mille di questo. Senza consapevolezza in questo senso, sarà difficilissimo creare una storia che regga una serie di contenuti da pubblicare o di azioni strategiche da attuare.

Io stessa ho bisogno di molta lucidità quando scelgo lo Storytelling come strumento per ottenere visibilità. Il motivo è che non tutto ciò che si produce ci piace, càpita di creare contenuti solo perché sembra il momento giusto e non perché siamo veramente allineati all’argomento.

Una tattica che ci può aiutare è lavorare sempre con estrema consapevolezza, chiedersi sempre “Mi interessa davvero? Leggerei questo articolo (o post, o commento…)?”.

5. IDEA
Senza idee è impossibile ottenere visibilità ed essere riconoscibili. Sembra una banalità, eppure, io continuo a vedere persone agitarsi per creare contenuti, per funzionare sui social e sul blog, senza avere un’Idea.

Questo è il male assoluto. È come continuare a muoversi senza spostarsi di un millimetro, vi succede?

Lush ha scelto di sparire (si fa per dire…) dai social perché ha un’idea grande da portare aventi: combattere l’algoritmo che ci vuole sempre più investitori. Da questa idea ha creato una campagna di comunicazione e marketing vincente.

Senza questa idea, la campagna sarebbe stata un flop, una rincorsa senza anima al tema caldo del momento (tecnica detta anche “Newsjacking”).

Durante il corso sul personal branding, una delle domande più complicate a cui i corsisti sono sottoposti è “Qual è l’idea? Qual è il valore che vuoi vedere realizzato nel mondo?” anche per me è difficile rispondere a queste domande in alcuni momenti, eppure sono sicura che il nocciolo di tutto stia proprio nell’idea, nella motivazione e nel cambiamento che vogliamo portare.

Nel momento in cui abbiamo forte dentro di noi una motivazione, siamo riconoscibili e quindi, otteniamo visibilità in maniera assolutamente organica e spontanea.

Seguire i trend, per paura di esporsi, oppure perché pensiamo che la nostra idea sia condivisa da pochi, crea frustrazione e paralizza la creatività. Dobbiamo (tutti, anche io) prendere consapevolezza della nostra unicità e fare tesoro di questo perché, sicuramente, nel mondo c’è qualcuno che ha la nostra stessa visione e che è disposto a seguirci e a diventare nostro cliente.

Marketing, Comunicazione e Idee fanno parte della promozione di se stessi e del proprio prodotto, tutti con la stessa potenza e con la stessa importanza.

Chiudo questo articolo, che mi frulla in testa da tempo, dicendo che la visibilità è un valore prezioso a cui si arriva guardandosi dentro e mai fuori. Copiare va bene (l’ho già detto) solo per confezionare e solo all’inizio, dopodiché ci si deve fare forza e si deve prendere con coraggio la propria missione, che può essere anche molto leggera (il marketing è pieno di esempi in questo senso) ovviamente.

Nessuno di noi è chiamato a salvare il Mondo in senso stretto, eppure tutti siamo chiamati a fare la nostra parte, autenticamente.

Tutti questi temi sono trattati nel miei corsi, vi lascio qui il link alla pagina del calendario e attendo i vostri commenti.

Related posts

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X