fbpx Scroll to top
© 2019, Paola Toini Agency & Lab

Come possiamo giocare con la coerenza visiva per essere riconoscibili?

Questo articolo è dedicato alla coerenza visiva, un alleato prezioso che ci consente di definirci e di essere identificabili in mezzo allo tsunami di brand che popola l’internet. Per questa ragione la personalità di un brand deve venire fuori dal sito, deve predominare nella comunicazione sui social, insomma, deve essere il tratto distintivo che ci permette di raggiungere il nostro cliente ideale.

Una comunicazione incoerente, blanda e non curata può fare danni assai peggiori di una non-comunicazione. Per esempio, una comunicazione trascurata dal punto di vista della visual identity può farci sembrare il fornitore ideale di un cliente che non vogliamo e che non appartiene alla fetta di audience che vogliamo raggiungere.

E allora che si fa? Ci si affida ad un professionista che ci aiuterà a tirare fuori la nostra traccia stilistica e ad applicarla al momento giusto.

Definizione dal web
coerenza

/co·e·rèn·za/
sostantivo femminile
  1. Intima connessione e interdipendenza di parti; part., in botanica e fisica, coesione.
  2. Costanza logica o affettiva nel pensiero e nelle azioni.
Origine
Dal lat. cohaerentia, der. di cohaerēre ‘stare unito insieme’ •1585.

Ora applichiamo la definizione alla comunicazione e alla visual identity, praticare la coerenza visiva significa essere in grado di unirci con il nostro messaggio al punto di renderlo immagine, colore e grafiche.

Potrebbe sembrare un banale esercizio di stile e invece si rivela, e sempre di più si rivelerà, la forza vincente di un’attività che vuole evolversi e sfruttare al massimo le potenzialità della comunicazione (on e off line).

Quindi, a cosa serve curare l’identità visiva e porre attenzione a questo elemento? Applicare la coerenza visiva significa trovare la propria modalità di utilizzare uno strumento VISIVO per raggiungere il cliente IDEALE! Ricorda che un personal branding studiato e coerente ha il potere di attirare, coinvolgere e costringere il tuo cliente ideale verso di te. Se la visual identity è curata arriverai esattamente a chi sta cercando proprio il tuo brand come soluzione.

Che si tratti di un brand oppure di un consulente il valore della coerenza visiva è lo stesso e fa parte anche delle piccole cose, dei dettagli che possono sembrare, lo ripeto, esercizi di stile e che in realtà non lo sono.

Qualche esempio? L’immagine di profilo dei social è visual identity, la testata del profilo di LinkedIn è visual identity e anche le icone degli album in evidenza su Instagram vanno gestire con coerenza visiva.

Color psychology

Ultimamente si fa un gran parlare della psicologia del colore che in realtà viene studiata da anni, basti pensare alla storia del colore nella moda, ad esempio. Ora si tende a suddividere in stagioni anche le identità visive dei brand:

  • SUMMER è delicato, leggero, frizzante e calmo
  • AUTUMN ha molta personalità, è informale, sopra le righe, appassionato e rustico
  • WINTER è lusso, esperienza, tecnico, geometrico
  • SPRING è colore abbinato al bianco, è prodotto, è ispirazione

Attenzione a non farsi imbrigliare da queste definizioni, la coerenza visiva ci permette di essere più liberi e veloci nella gestione di alcune scelte e nessun brand è completamente Summer o Winter, un buon professionista saprà guidarci anche in queste scelte.

Un professionista riuscirà a tradurre in colore e in immagine la mission e la vision del nostro brand; in questo modo la nostra comunicazione e tutti i contenuti che andremo a produrre (anche in autonomia) saranno coerenti tra loro e contribuiranno a renderci riconoscibili.

E quali sono gli elementi della visual identity che vanno declinati a seconda della nostra coerenza visiva?

  • logo
  • palette colore
  • font
  • grafiche di base per i social
  • immagini/fotografie

Lo abbiamo capito, il focus è sulla riconoscibilità. Dobbiamo alimentare l’attitudine ad essere riconoscibili per fare in modo che il nostro contenuto spicchi in mezzo a tutti gli altri e magnetizzi l’attenzione del nostro cliente ideale. Un visual poco coerente e senza carattere attirerà cliente poco coerenti e senza carattere, avete presente il classico “poche idee e molto confuse”?

Per evitare che questo accada e per indirizzare tutti i nostri sforzi verso una comunicazione coerente ed efficace, quindi, abbiamo la necessità di dedicare attenzione alla identità visiva.

Vi lascio il link ad un’intervista che ho fatto a Laura Calascibetta, una graphic designer con la quale ho chiacchierato proprio di visual identity

Questo articolo vuole essere il punto di partenza per alcune riflessioni importanti da fare prima di pensare ad un rebranding o alla digitalizzazione di un’attività; è necessario riconoscere il valore di una visual identity curata e coerente sopratutto in termini di coinvolgimento del target ideale. Se vi restano dubbi o domande aspetto una mail a paola@paolatoini.it 

Related posts

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X