Digital marketing: quali opportunità per il futuro?

futuro digital marketing paola toini

Il futuro è molto vicino, preparati in tempo

Ci siamo fermati, abbiamo riflettuto ed abbiamo vissuto (stiamo ancora vivendo per certi versi) attimi di infinita angoscia. È davvero il momento di pensare al futuro? Di passare alla fase 2…
I mass media ci dicono di sì e così possiamo provare a pensare per coltivare dentro di noi la fiducia verso il futuro. Del resto, che sia per il nostro brand oppure per il brand di cui gestiamo la comunicazione, tutti sappiamo che nutrire la fame di un futuro florido è una delle principali motivazioni che spingono proprio le attività di comunicazione e marketing.
Fase 1 o fase 2 che dir si voglia, è arrivato il momento di guardare concretamente un pochino fuori dalla nostra finestra, è primavera e quindi ci sta una ventata di novità.
Tieni d’occhio ciò che è di tendenza: assicurati di cercare i trend popolari che emergono sui social media e in tutto il mondo. Tuttavia, ricorda che è essenziale scegliere solo i trend in linea con il messaggio chiave generale del tuo brand, per mantenere l’interesse e risuonare con il tuo target!
Vediamo insieme quali sono i possibili spunti di tendenza a cui lavorare da oggi stesso.

Podcast

Il podcasting è un’attività non recente, da anni se ne parla ed è un fenomeno che a certi livelli ha preso piede. Rimane un sottobosco di wannabe che, appunto, per il loro futuro vorrebbero e non si concedono il diritto di lanciarsi, ecco in otto passi come sviluppare il proprio programma di podcasting:

  1. scegli un argomento, un tema, un topic
  2. scegli un format (speech, interviste, episodi ecc…)
  3. crea le grafiche
  4. scegli la musica di intro e di outro
  5. seleziona l’attrezzatura di cui hai bisogno
  6. registra e monta il tuo file audio
  7. esegui l’upload sulla piattaforma che preferisci (oppure sul tuo blog, nella newsletter)
  8. sviluppa una strategia e promuovi questo contenuto

Questi sono i passaggi fondamentali che, chiunque voglia fare un buon lavoro e promuoversi attraverso il podcast, deve tenere in considerazione; l’obiettivo finale sarà la guida che ci accompagnerà negli 8 step e che ci permetterà di creare qualcosa di unico!
A questo proposito, ho intervistato un vero professionista della voce, Marco De Domenico, che ci ha svelato un po’ dei suoi segreti e ci ha dato molti consigli, trovi l’intervista qui.

LinkedIn

Uh, sai che novità! Ti vedo mentre dici così. Invece ti invito a guardare LinkedIn in modo nuovo per il futuro, come una fonte enorme di collegamenti e opportunità per il lavoro. È lo spazio ideale in cui passare dal “io io io” al “noi noi noi” in questo momento in cui, per molti, il lavoro è fermo e quindi possiamo prendere la palla al balzo per sviluppare collaborazioni interessanti e bizzarre.
Fino a metà del 2019 LinkedIn era un po’ snob, riservato ai pro che avevano bisogno di sentirsi al centro dell’attenzione. Ammettiamolo, c’era anche un po’ di soggezione da parte di noi piccolini quando avevamo un post o un articolo da condividere. Poi è successo qualcosa e oggi c’è la possibilità di condividere e di dialogare con persone disposte a scambiare con noi le loro informazioni. In questo tempo sospeso e ricco di nuove prospettive per il futuro LinkedIn potrebbe essere una fonte piena di occasioni.

Pinterest

Ho inserito Pinterest in questo elenco per due motivi precisi.
Il primo riguarda la natura di Pinterest che è il social network della ricerca, della ispirazione, all’interno del quale naviga chi non ha ancora deciso. Su Pinterest cerchiamo idee e questo momento storico è caratterizzato proprio da questo.
Con la maggior parte dei negozi chiusi e le possibilità di fare shopping limitate, sempre più persone si rivolgono a Pinterest per cercare ispirazione e passare un po’ di tempo. In effetti, Pinterest ha registrato livelli record di traffico nelle ultime settimane, con molte più persone alla ricerca di consigli per allestire il proprio ufficio a casa, passare il tempo con i figli e prendersi cura di se stessi tra durante il lockdown per COVID-19.
Il secondo motivo per cui ho inserito Pinterest in un articolo che parla di futuro è che su Pinterest c’è spazio! Quante volte mi è capitato in consulenza di dire a qualcuno che il mercato su Instagram è saturo e che ci vuole la forza di provare altre strade… ne avevo parlato anche qui.
In questo momento posizionarsi su Pinterest, che è una piattaforma leggera, meno forzata e un po’ anarchica dal punto di vista delle regole e dei linguaggi è un’ottima idea, una grande opportunità per il futuro del digital marketing. Se vuoi approfondire questo tema puoi contattarmi su paola@paolatoini.it e insieme creeremo una strategia per te che includa Pinterest.

Presenza

Lo abbiamo detto e ripetuto più volte in queste settimane: è arrivato il momento di metterci la faccia e di fare la differenza. Il futuro non concederà nessuno spazio agli indecisi, a chi cercherà di campare di rendita senza dire la sua e senza posizionarsi in una precisa fetta di mercato.
Bisogna esserci, esprimersi e comunicare i propri valori, il proprio credo. Se parliamo di sito web, ad esempio, la pagina Manifesto è diventata quanto meno necessaria perché è lì che esprimiamo a chiare lettere chi siamo, professionalmente parlando.
Metterci la faccia significa anche avere il coraggio di creare contenuti che piacciano al nostro cliente ideale e andare verso di lui, coinvolgerlo e spiegargli di persona perché noi siamo la soluzione ideale alla sua esigenza. Raccontare, ad esempio, la ricerca che sta dietro la materia prima oppure la passione che alimenta la nostra professione è possibile solo con la presenza, essendoci.
E per chi non ama farsi fotografare c’è sempre la possibilità di studiare una strategia di visual identity ancora più personale, una bella sfida per chi fa il mio mestiere e per un fotografo che contribuirà alla creazione di questa strategia.
Ho parlato di questo con Carlotta Favaron, che è la mia fotografa, in questo video che ti invito a vedere e a recensire.
Questi quattro elementi sono fondamentali per te se vuoi che il futuro del tuo business sia sempre più vicino al tuo cliente ideale e quindi alla conversione, se hai dubbi o domande scrivimi una mail su paola@paolatoini.it oppure sui miei canali social.

paola toini futuro
Seguimi su Pinterest

3 motivi per iniziare a fare blogging da subito

paolatoini_blog

Nel 2020 avrai bisogno del tuo blog

Flashback a ieri. Instagram non mi carica le storie, Planoly (l’app che utilizzo per la programmazione dei post di Instagram) mi dà buca e anche la posta elettronica rema contro. Torniamo a sabato, Whatsapp completamente in down, non invia messaggi e nemmeno audio. La sensazione è che qualche volta i social media siano inattivi per ore e ore e, per un libero professionista che ha la necessità di comunicare in modo rapido, questo può significare perdere delle occasioni importanti. Ad esempio, ieri si è bucato il mio post sulla seconda regola base della comunicazione digitale.
Perché questa cosa è così rilevante? Tanto da scriverci un articolo di blog così, di pancia…
Perché, quando i social media vanno in down non possiamo farci nulla. In sostanza, per qualche tempo, non possediamo i nostri account Facebook o i feed di Instagram quindi, se questo è l’unico posto in cui condividiamo contenuti, potremmo avere un danno.
La soluzione? Pensare a qualcosa di più stabile, uno spazio in cui poter condividere contenuti che non scompariranno quando Facebook deciderà di apportare modifiche o diventare obsoleto, in sostanza quando uscirà la prossima popolare piattaforma di social media.
Quindi, tadaaan… ecco tre buoni motivi per iniziare a curare seriamente il tuo blog nel 2020!
1. Un blog aiuta ad accrescere la tua credibilità come professionista (la famosa reputazione online-web reputation)
Un blog è il tuo spazio e qui hai la possibilità di mostrare le tue competenze e condividere la tua esperienza quotidiana. Se il tuo sito web non ha una pagina FAQ, ad esempio, attraverso il blog puoi rispondere alle domande e fornire risposte dettagliate e utili al pubblico. Puoi condividere foto di un progetto recente, un tutorial oppure raccontare le dinamiche che stai vivendo come professionista del tuo settore. Le opzioni sono infinite e il modo in cui spieghi le cose al tuo pubblico ti distinguerà dalla concorrenza. Non solo, quando i social media non funzionano, il tuo blog sarà lì ad aspettarti. Il tuo blog è il luogo perfetto per aggiungere un invito all’azione (le famose CTA) e far crescere anche la tua mailing list!
2. Un blog è un ottimo modo per mantenere fresco il tuo sito web
L’aggiunta di nuovi contenuti al tuo sito Web è ottima per scopi SEO. Un blog è un modo semplice per aggiungere keywords su base settimanale o mensile, questa azione aumenta il ranking del tuo sito e concorre ad evidenziare le tue abilità e servizi. Un altro consiglio relativo al blogging e all’opportunità di mantenere fresco il tuo sito, è assicurarsi di avere sempre un invito all’azione (CTA) alla fine di ogni post. Puoi invitare le persone a contattarti, a prenotare un servizio o ad acquistare i tuoi prodotti.
3. Un blog ti offre infiniti contenuti sui social media (eh si, il BLOG alimenta i social network e non viceversa)
Ultimo ma non meno importante, un blog è il modo più semplice per creare contenuti che puoi condividere sui social media. Ovviamente possiamo condividere articoli o suggerimenti di altri professionisti nostri colleghi, tuttavia questa azione è un invito al nostro pubblico verso il sito web di un concorrente, quando dovremmo indirizzarlo al nostro!
Un blog può aiutarti ad affermarti come esperto e ti dà il controllo delle informazioni che stai fornendo ai tuoi follower sui social media.
Ti è mai capitato di leggere online un articolo e di pensare “Potrei aggiungere altro a questo argomento, potrei parlarne anche io con la mia cifra stilistica!” Ebbene, il tuo blog è lo spazio ideale per farlo e con i tuoi social network gli metterai le rotelle e farai girare le tue idee su un ideale skateboard che arriverà dovunque! Bello vero? Assicurati che le informazioni che condividi sui social media siano utili al tuo pubblico e a te. Fornisci suggerimenti utili, racconta la tua esperienza di professionista e assicurati che il tuo invito all’azione li riporti alle pagine dei tuoi prodotti o servizi!
Se non hai ancora iniziato a scrivere articoli di blog, gennaio 2020 può essere il momento giusto per iniziare a divertirti in questo senso! Fare blogging non deve essere un mal di testa, è solo una questione di creare un piano e lasciarti ispirare dalla tuo quotidianità di professionista.
Contattami per una consulenza (il primo incontro conoscitivo è gratuito) per vedere come migliorare la tua presenza online oppure partecipa ad una delle attività del mio Lab per conoscermi e vedere dal vivo una mia consulenza condivisa. Il 30 gennaio, a Milano, terrò proprio un corso sulla comunicazione digitale, clicca qui per registrarti.
Hai trovato utile il mio articolo? Scrivimi un feedback a 📩 paola@paolatoini.it e condividilo se pensi possa essere interessante per altre persone.

paolatoini_blog_2020
Seguimi su Pinterest

5 motivi per cui hai bisogno di un nuovo sito web

Nuovo sito web paola toini

Hai bisogno di un nuovo sito web: ecco qui come sapere se il tuo sito richiede un aggiornamento

Spesso durante le consulenze mi chiedono “Cosa ne pensi del mio sito web? Pensi che abbia bisogno di un aggiornamento? Avrei bisogno di un nuovo sito web” La mia risposta in genere è “Sì, si potrebbero certamente apportare alcuni aggiornamenti”.
Attenzione però: quando si tratta di web design, non si parla solo di visual design (anche se è una un aspetto molto importante!)
Quindi, ecco qui i principali motivi che dovresti prendere in considerazione per una riprogettazione del tuo sito web.

1. Il tuo sito web NON è responsive

Se il tuo sito non è ottimizzato per i dispositivi mobili (=responsive), potresti aver notato un calo del ranking di ricerca di Google nell’ultimo anno. Nel 2015, Google ha annunciato che avrebbe valutato la “mobile friendliness” (ovvero, il tuo sito deve essere visto alla perfezione su qualsiasi apparecchio elettronico di navigazione: pc, smartphone e tablet) come fattore necessario alla indicizzazione di un sito, ecco perché questa caratteristica ha un impatto diretto sul SEO. Lo so, adesso starai sgranando gli occhi e pensando “Maccome? Esistono sito web NON responsive all’alba del ventennio?” ebbene sì, esistono.

2. Il tuo sito Web presenta foto o contenuti vecchi e/o non più coerenti con il tuo marchio

Se hai aggiornato i tuoi supporti cartacei (biglietti da visita, brochure), il mood delle immagini sui social o aggiornato il tuo logo, sappi che le stesse modifiche dovrebbero riflettersi anche sul tuo sito web. Il sito è un’estensione della tua attività e la nostra casa online (ne avevo parlando anche qui) e, dunque, qualsiasi grande modifica al tuo brand deve essere coerente su tutte le piattaforme (stampa, in negozio e online). Se sei nel settore dei servizi e, ad esempio, le immagini sul tuo sito mostrano prodotti che non sono più disponibili, è importante che vengano eliminate e sostituite con le fotografie dei prodotti aggiornati.

3. Il tuo sito utilizza animazioni Flash e/o ha numerose pagine che vengono caricate come PDF

Il caricamento di Flash è lento e la maggior parte dei browser richiede di “eseguire Flash” quando un sito lo utilizza, rendendolo scomodo per gli utenti e, di fatto, poco navigabile, poco user friendly insomma. Sapevi che, ad esempio, da luglio 2019 i nuovi aggiornamenti di Google Chrome non supportano più Flash?
Se il tuo sito presenta flash o altri plug-in correlati e tu tieni particolarmente a questi effetti di animazione (magari perché riflettono bene la tua visual identity), ti ricordo che è molto probabile che tu possa ottenere lo stesso risultato sviluppando un nuovo sito web.
Le pagine in stile PDF sono un altro aspetto negativo quando si tratta di SEO. Va bene offrire un freebie o uno spazio web dove i clienti possano scaricare documenti e moduli, ma i contenuti del tuo sito dovrebbero essere nativi del tuo sito, ovvero, inseriti nelle pagine come testi e immagini, non parte di un PDF che si apre in una nuova finestra.

4. Il tuo sito sembra datato in termini di design, font e mood fotografico

Se il tuo sito è visibilmente datato e utilizza font vecchi oppure fotografie datate è sicuramente il momento di avere un nuovo sito web.
Il rischio, a livello di user experience è duplice:
1. gli utenti potrebbero valutare il tuo brand e la tua offerta di prodotti/servizi come obsoleti, superati e, dunque, inutili per la loro esigenza;
2. un sito vecchio può dissuadere i clienti dal fare acquisti online o contattarti perché spesso i moduli di contatto e le procedure di checkout del carrello sembrano imprecisi!
Il tuo sito potrebbe essere totalmente sicuro eppure, se il suo aspetto lo posiziona visivamente al 2005, le persone saranno caute nel fornire informazioni o fare clic per richiedere ulteriori informazioni. Ci hai mai pensato?

5. Il tuo sito è lento da caricare

Se il tuo sito si carica lentamente oppure ha problemi di caricamento su un browser rispetto a un altro, hai sicuramente bisogno valutare la realizzazione di un sito nuovo.
La velocità di caricamento, oggi, è una caratteristica necessaria perché un sito web possa essere considerato utile per gli utenti. Eh sì, il tuo sito deve essere utile per loro e deve spingerli a fare click su altre pagine, inviarti una richiesta di informazioni o, meglio ancora, a fare un acquisto online.
Google utilizza anche la velocità di caricamento come fattore di posizionamento, perciò, se il tuo sito è datato e il caricamento lento causa problemi agli utenti, il SEO potrebbe risentirne. E, a conti fatti, anche il tuo business ne risentirebbe.
Se stai leggendo e dicendo “Oh mamma! Paola sta parlando del mio sito web!” mi raccomando, niente panico 😜 perché hai semplicemente bisogno di un aggiornamento o di una consulenza.
Io ti suggerisco di partecipare alla mia masterclass dedicata al sito web (registrati qui); la mattina del 7 febbraio risponderò a tutti i tuoi dubbi e a quelli degli altri partecipanti. Una occasione totalmente dedicata, una sessione aperta che ti darà la possibilità di fare chiarezza.
Questo è il mio ultimo articolo del 2019, ti invito a scrivermi cosa ne pensi e a condividerlo con chiunque possa ritenerlo interessante. Ci risentiamo nel 2020 🚀

paola toini pinterest
Pinna questa immagine e seguimi su Pinterest

A proposito di metodo

Ultimamente vengo chiamata da clienti (o anche da amiche) che mi dicono di aver comprato un planning, un libro per organizzarsi, un percorso online per imparare a gestire il loro tempo. Quasi tutti poi aggiungono che si sentono frustrati… faticano a star dietro ai dettami di quel metodo. In pratica, invece di trovare un vantaggio, si sentono peggio e non comprendono perché non riescano ad ottenere gli stessi risultati dello scrittore o dell’ideatore del metodo stesso.
Ora, io non son maestra di organizzazione, giuro. E, per tantissimo tempo, ho vissuto nella stessa medesima frustrazione… finché, magia ???? ho compreso che i metodi “per tutti” sono una fantasia, un’utopia enorme che ci fa vivere in una comfort zone costante, deleghiamo ad un altro il nostro dovere di prendere in mano la situazione e gestirla, semplicemente ascoltandoci.


Questo richiede molto coraggio se ci pensate, sopratutto se si prende la strada del freelancing.
Ecco perché mi piace definirmi (anche) Personal Branding Coach, perché attraverso la scoperta del valore e della visione, porto le persone a riscoprire il loro potere personale anche e sopratutto in ambito lavorativo e nella comunicazione. La prossima settimana avrò ben due consulenze che lavoreranno in questo senso e il mio obiettivo è sempre lo stesso: cerca il TUO metodo e non UN metodo ????