E-commerce o marketplace, dove si vende di più?

e-commerce

Sai che Primark non vende e non ha un e-commerce sul suo sito?

E sai anche che durante il lockdown una delle domande più ricorrenti tra i marketers era proprio “Chissà come la pensa oggi Primark in merito allo shop online? Si starà mangiando le mani?”
Sul caso Primark c’è parecchio materiale online che spiega la scelta di non avere un e-commerce sul sito, come l’articolo del 2013 di econsultancy.com (ti lascio qui la mia traduzione) tuttavia, in un momento in cui avere e-commerce sembra essere imprescindibile per qualsiasi tipologia di business, era inevitabile pensare a chi ha adottato una strategia diversa.
Perché parliamo di e-commerce proprio oggi? Perché, come detto sopra, l’emergenza COVID-19 ha spiattellato sotto gli occhi di tutti che è indispensabile poter vendere online. Sia la piattaforma di nostra proprietà oppure esterna (Amazon, Bigcartel ecc..). E sarà sempre più necessario se i trend continueranno a salire in questo senso, soprattutto per quei beni/servizi che non possono essere messi in vendita nella grande distribuzione oppure nei negozi.

Partiamo dalle basi, cos’è l’e-commerce?

L’e-commerce, noto anche come commercio elettronico, potrebbe essere definito come “l’acquisto di articoli su Internet in pigiama alle 3 del mattino” ma noi preferiamo dire che si tratta della “Opportunità di vendere un prodotto/servizio su Internet”.
⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⁣
Di fatto i negozi che vendono i loro prodotti online sono negozi e-commerce o aziende, un esempio di uno dei negozi online più popolari tra gli e-commerce è Amazon.com⁣ e in totale esistono 4 tipologie di modelli di e-commerce, vediamole:⁣
1. Business to consumer (B2C) ⁣
2. Business to business (B2B) ⁣
3. Consumer to Consumer (C2C) ⁣
4. Consumer to Business (C2B) ⁣
⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⁣
Ci sono poi diverse tipologie di e-commerce:⁣ vendita al dettaglio, vendita all’ingrosso, dropshipping⁣, crowdfunding, abbonamenti⁣, prodotti digitali e servizi.⁣
⠀⠀⠀⠀⠀⁣
La possibilità di vendere online ha mostrato da subito le grandi opportunità che ne derivano, i vantaggi sono incredibili e durate il lockdown tutti se ne sono resi conto: ⁣
– Accesso a un mercato globale⁣
– Disponibilità 24 ore su 24, 7 giorni su 7
– Si lavora da qualsiasi luogo⁣
– Spese generali ridotte⁣
– Marketing mirato⁣
– Capacità di servire una nicchia specifica

Quindi che si fa? Shop sul sito o piattaforma esterna?

Fatte queste dovute premesse, è importante comprendere come non tutte le piattaforme siano indicate per tutti i prodotti e per tutti servizi. Partiamo proprio dai servizi per i quali la scelta migliore sembra essere quella di vendere direttamente dal proprio sito web, non ci sono piattaforme online adeguatamente posizionate per i servizi se non per la formazione, ad esempio.
Non solo, se vendiamo servizi sappiamo bene che poter gestire l’agenda con un sito che dialoghi direttamente con i vari i-Cal oppure con Google Calendar è una bella comodità!
Online si trovano diverse piattaforme e-commerce alle quali associarsi per vendere le proprie prestazioni, ma niente è professionale come poter far fare tutto ai clienti direttamente dal sito.
Una grande mano la può dare anche Facebook che consente di impostare orari e informazioni, oltre che di facilitare il cliente nel richiedere un appuntamento.
Da qualche settimana Facebook ha anche lanciato un nuovo prodotto, gli Shop, che sono effettivamente dei negozi profilati da sfruttare sopratutto se si fa prodotto. Questa grandissima novità ci ha permesso anche di creare dei veri e propri shop online collegati anche ad Instagram, un passaggio continuo tra social network e sito web che genera traffico e moltiplica esponenzialmente le possibilità di vendere da entrambe le parti.

E il prodotto dove lo vendo?

Quindi, se per i servizi le soluzioni efficaci si riducono allo shop dal sito, per i prodotti le possibilità sono davvero tante e da maggio 2020 abbiamo anche questa grande opportunità di sfruttare lo strumento Facebook Shop.
Per il resto le scelte vanno fatte in modo strategico, in base a come il prodotto è posizionato sul mercato, in base alle ricerche di benchmark e anche alle abitudini di acquisto della nicchia in cui il prodotto è forte.
La nicchia, la target audience insomma, il cliente ideale è il protagonista anche in questa parte della strategia perché, ora più che mai, le grandi quantità di prodotti sul mercato (qualsiasi prodotto) obbligano i brand a dover intercettare il cliente in diversi punti del processo di acquisto. Dunque via libera alle piattaforme tipo Amazon.com per vendere il prodotto su vasta scala e vi libera anche ad una doppia distribuzione in base al costo.
Facciamo un esempio. Se un brand di moda realizza e vende contemporaneamente due linee, una più economica e una più costosa, potrebbe decidere di vendere una linea dallo shop del sito e una più economica su ASOS.com in modo da intercettare una fetta più ampia di pubblico che, di fatto, è già profilata dalla piattaforma.
In conclusione, per rispondere alla domanda che apre questo articolo “E-commerce o marketplace, dove si vende di più?” la risposta migliore è “Dipende dal Brand, dagli Obiettivi e dal Budget” perché esistono soluzioni utilissime per alcuni e del tutto inefficaci per altri.
Il punto di partenza è lo studio delle abitudini di acquisto del cliente ideale, unito all’analisi delle caratteristiche del brand, dopodiché la strategia ci farà andare da A a B.

Come capisco quando passare da un marketplace ad uno shop sul mio sito?

Quando un brand è consolidato, il prodotto ha ricevuto sufficienti recensioni e quando il brand stesso ha volta di maturare e passare una fase più ampia, è il momento di aprire un proprio shop sul sito. Aggiungere un e-commerce sul sito ha un costo abbastanza elevato, pertanto è importante aver già appurato l’interesse della audience e del cliente potenziale prima di prevedere questo investimento.
Nello stesso tempo dobbiamo ammettere che avere uno shop online aumenta il prestigio del brand e contribuisce a migliorare la percezione del cliente. Non solo, se pensiamo al processo di acquisto, capiamo da subito quanto avere uno shop sul sito ci consente di avere una chance in più di intercettare la target audience mentre decide se comprare o meno il nostro prodotto.
Possono esserci strategie che prevedono l’utilizzo contemporaneo di tre marketplace (Amazon, Bigcartel e Etsy) insieme all’e-commerce sul sito, tutto dipende dai budget e dal brand, tutto deve essere sostenibile e deve portare dati di ritorno che siano analizzabili e utili per la crescita del brand stesso. Non è più il tempo delle grandi quantità e dei contenuti distribuiti alla massa, oggi contano la nicchia, il brand e gli obiettivi.
Se hai bisogno di più informazioni e vuoi approfondire il tema della vendita online invia una mail a paola@paolatoini.it

paolatoini strategia
Seguimi anche su Pinterest

3 motivi per iniziare a fare blogging da subito

paolatoini_blog

Nel 2020 avrai bisogno del tuo blog

Flashback a ieri. Instagram non mi carica le storie, Planoly (l’app che utilizzo per la programmazione dei post di Instagram) mi dà buca e anche la posta elettronica rema contro. Torniamo a sabato, Whatsapp completamente in down, non invia messaggi e nemmeno audio. La sensazione è che qualche volta i social media siano inattivi per ore e ore e, per un libero professionista che ha la necessità di comunicare in modo rapido, questo può significare perdere delle occasioni importanti. Ad esempio, ieri si è bucato il mio post sulla seconda regola base della comunicazione digitale.
Perché questa cosa è così rilevante? Tanto da scriverci un articolo di blog così, di pancia…
Perché, quando i social media vanno in down non possiamo farci nulla. In sostanza, per qualche tempo, non possediamo i nostri account Facebook o i feed di Instagram quindi, se questo è l’unico posto in cui condividiamo contenuti, potremmo avere un danno.
La soluzione? Pensare a qualcosa di più stabile, uno spazio in cui poter condividere contenuti che non scompariranno quando Facebook deciderà di apportare modifiche o diventare obsoleto, in sostanza quando uscirà la prossima popolare piattaforma di social media.
Quindi, tadaaan… ecco tre buoni motivi per iniziare a curare seriamente il tuo blog nel 2020!
1. Un blog aiuta ad accrescere la tua credibilità come professionista (la famosa reputazione online-web reputation)
Un blog è il tuo spazio e qui hai la possibilità di mostrare le tue competenze e condividere la tua esperienza quotidiana. Se il tuo sito web non ha una pagina FAQ, ad esempio, attraverso il blog puoi rispondere alle domande e fornire risposte dettagliate e utili al pubblico. Puoi condividere foto di un progetto recente, un tutorial oppure raccontare le dinamiche che stai vivendo come professionista del tuo settore. Le opzioni sono infinite e il modo in cui spieghi le cose al tuo pubblico ti distinguerà dalla concorrenza. Non solo, quando i social media non funzionano, il tuo blog sarà lì ad aspettarti. Il tuo blog è il luogo perfetto per aggiungere un invito all’azione (le famose CTA) e far crescere anche la tua mailing list!
2. Un blog è un ottimo modo per mantenere fresco il tuo sito web
L’aggiunta di nuovi contenuti al tuo sito Web è ottima per scopi SEO. Un blog è un modo semplice per aggiungere keywords su base settimanale o mensile, questa azione aumenta il ranking del tuo sito e concorre ad evidenziare le tue abilità e servizi. Un altro consiglio relativo al blogging e all’opportunità di mantenere fresco il tuo sito, è assicurarsi di avere sempre un invito all’azione (CTA) alla fine di ogni post. Puoi invitare le persone a contattarti, a prenotare un servizio o ad acquistare i tuoi prodotti.
3. Un blog ti offre infiniti contenuti sui social media (eh si, il BLOG alimenta i social network e non viceversa)
Ultimo ma non meno importante, un blog è il modo più semplice per creare contenuti che puoi condividere sui social media. Ovviamente possiamo condividere articoli o suggerimenti di altri professionisti nostri colleghi, tuttavia questa azione è un invito al nostro pubblico verso il sito web di un concorrente, quando dovremmo indirizzarlo al nostro!
Un blog può aiutarti ad affermarti come esperto e ti dà il controllo delle informazioni che stai fornendo ai tuoi follower sui social media.
Ti è mai capitato di leggere online un articolo e di pensare “Potrei aggiungere altro a questo argomento, potrei parlarne anche io con la mia cifra stilistica!” Ebbene, il tuo blog è lo spazio ideale per farlo e con i tuoi social network gli metterai le rotelle e farai girare le tue idee su un ideale skateboard che arriverà dovunque! Bello vero? Assicurati che le informazioni che condividi sui social media siano utili al tuo pubblico e a te. Fornisci suggerimenti utili, racconta la tua esperienza di professionista e assicurati che il tuo invito all’azione li riporti alle pagine dei tuoi prodotti o servizi!
Se non hai ancora iniziato a scrivere articoli di blog, gennaio 2020 può essere il momento giusto per iniziare a divertirti in questo senso! Fare blogging non deve essere un mal di testa, è solo una questione di creare un piano e lasciarti ispirare dalla tuo quotidianità di professionista.
Contattami per una consulenza (il primo incontro conoscitivo è gratuito) per vedere come migliorare la tua presenza online oppure partecipa ad una delle attività del mio Lab per conoscermi e vedere dal vivo una mia consulenza condivisa. Il 30 gennaio, a Milano, terrò proprio un corso sulla comunicazione digitale, clicca qui per registrarti.
Hai trovato utile il mio articolo? Scrivimi un feedback a 📩 paola@paolatoini.it e condividilo se pensi possa essere interessante per altre persone.

paolatoini_blog_2020
Seguimi su Pinterest

5 motivi per cui hai bisogno di un nuovo sito web

Nuovo sito web paola toini

Hai bisogno di un nuovo sito web: ecco qui come sapere se il tuo sito richiede un aggiornamento

Spesso durante le consulenze mi chiedono “Cosa ne pensi del mio sito web? Pensi che abbia bisogno di un aggiornamento? Avrei bisogno di un nuovo sito web” La mia risposta in genere è “Sì, si potrebbero certamente apportare alcuni aggiornamenti”.
Attenzione però: quando si tratta di web design, non si parla solo di visual design (anche se è una un aspetto molto importante!)
Quindi, ecco qui i principali motivi che dovresti prendere in considerazione per una riprogettazione del tuo sito web.

1. Il tuo sito web NON è responsive

Se il tuo sito non è ottimizzato per i dispositivi mobili (=responsive), potresti aver notato un calo del ranking di ricerca di Google nell’ultimo anno. Nel 2015, Google ha annunciato che avrebbe valutato la “mobile friendliness” (ovvero, il tuo sito deve essere visto alla perfezione su qualsiasi apparecchio elettronico di navigazione: pc, smartphone e tablet) come fattore necessario alla indicizzazione di un sito, ecco perché questa caratteristica ha un impatto diretto sul SEO. Lo so, adesso starai sgranando gli occhi e pensando “Maccome? Esistono sito web NON responsive all’alba del ventennio?” ebbene sì, esistono.

2. Il tuo sito Web presenta foto o contenuti vecchi e/o non più coerenti con il tuo marchio

Se hai aggiornato i tuoi supporti cartacei (biglietti da visita, brochure), il mood delle immagini sui social o aggiornato il tuo logo, sappi che le stesse modifiche dovrebbero riflettersi anche sul tuo sito web. Il sito è un’estensione della tua attività e la nostra casa online (ne avevo parlando anche qui) e, dunque, qualsiasi grande modifica al tuo brand deve essere coerente su tutte le piattaforme (stampa, in negozio e online). Se sei nel settore dei servizi e, ad esempio, le immagini sul tuo sito mostrano prodotti che non sono più disponibili, è importante che vengano eliminate e sostituite con le fotografie dei prodotti aggiornati.

3. Il tuo sito utilizza animazioni Flash e/o ha numerose pagine che vengono caricate come PDF

Il caricamento di Flash è lento e la maggior parte dei browser richiede di “eseguire Flash” quando un sito lo utilizza, rendendolo scomodo per gli utenti e, di fatto, poco navigabile, poco user friendly insomma. Sapevi che, ad esempio, da luglio 2019 i nuovi aggiornamenti di Google Chrome non supportano più Flash?
Se il tuo sito presenta flash o altri plug-in correlati e tu tieni particolarmente a questi effetti di animazione (magari perché riflettono bene la tua visual identity), ti ricordo che è molto probabile che tu possa ottenere lo stesso risultato sviluppando un nuovo sito web.
Le pagine in stile PDF sono un altro aspetto negativo quando si tratta di SEO. Va bene offrire un freebie o uno spazio web dove i clienti possano scaricare documenti e moduli, ma i contenuti del tuo sito dovrebbero essere nativi del tuo sito, ovvero, inseriti nelle pagine come testi e immagini, non parte di un PDF che si apre in una nuova finestra.

4. Il tuo sito sembra datato in termini di design, font e mood fotografico

Se il tuo sito è visibilmente datato e utilizza font vecchi oppure fotografie datate è sicuramente il momento di avere un nuovo sito web.
Il rischio, a livello di user experience è duplice:
1. gli utenti potrebbero valutare il tuo brand e la tua offerta di prodotti/servizi come obsoleti, superati e, dunque, inutili per la loro esigenza;
2. un sito vecchio può dissuadere i clienti dal fare acquisti online o contattarti perché spesso i moduli di contatto e le procedure di checkout del carrello sembrano imprecisi!
Il tuo sito potrebbe essere totalmente sicuro eppure, se il suo aspetto lo posiziona visivamente al 2005, le persone saranno caute nel fornire informazioni o fare clic per richiedere ulteriori informazioni. Ci hai mai pensato?

5. Il tuo sito è lento da caricare

Se il tuo sito si carica lentamente oppure ha problemi di caricamento su un browser rispetto a un altro, hai sicuramente bisogno valutare la realizzazione di un sito nuovo.
La velocità di caricamento, oggi, è una caratteristica necessaria perché un sito web possa essere considerato utile per gli utenti. Eh sì, il tuo sito deve essere utile per loro e deve spingerli a fare click su altre pagine, inviarti una richiesta di informazioni o, meglio ancora, a fare un acquisto online.
Google utilizza anche la velocità di caricamento come fattore di posizionamento, perciò, se il tuo sito è datato e il caricamento lento causa problemi agli utenti, il SEO potrebbe risentirne. E, a conti fatti, anche il tuo business ne risentirebbe.
Se stai leggendo e dicendo “Oh mamma! Paola sta parlando del mio sito web!” mi raccomando, niente panico 😜 perché hai semplicemente bisogno di un aggiornamento o di una consulenza.
Io ti suggerisco di partecipare alla mia masterclass dedicata al sito web (registrati qui); la mattina del 7 febbraio risponderò a tutti i tuoi dubbi e a quelli degli altri partecipanti. Una occasione totalmente dedicata, una sessione aperta che ti darà la possibilità di fare chiarezza.
Questo è il mio ultimo articolo del 2019, ti invito a scrivermi cosa ne pensi e a condividerlo con chiunque possa ritenerlo interessante. Ci risentiamo nel 2020 🚀

paola toini pinterest
Pinna questa immagine e seguimi su Pinterest